La casta di Siena

Blog non ufficiale del libro-denuncia sul sistema di potere senese

Nomi, nomine e… trombati. O presunti tali

Posted by grilliparlantisiena su giugno 30, 2008

Da IlCittadino Online:

SIENA. 2009. Data importante per Siena città. E non solo. Perché c’è una scadenza che non è certo possibile ignorare. Il prossimo anno dovranno essere fatte le nomine dei sedici componenti la deputazione generale della Fondazione Mps. Otto dal comune di Siena, di cui uno di intesa con la Camera di Commercio, cinque dalla Provincia di cui uno di intesa con la consulta del volontariato, uno dalla Regione, uno dall’Università e uno dall’Arcidiocesi.

Storicamente le nomine montepaschine hanno sempre suscitato l’interesse e gli appetiti dei partiti e di chi conta in città. Nomine che terranno conto della nuova realtà politica locale e nazionale. Per cui è possibile che dalla deputazione usciranno rappresentanti che fanno riferimento a forze politiche come Sinistra democratica, Rifondazione e Comunisti italiani, liberando qualche poltrona.
Le fibrillazioni politiche non mancano. In particolare a Siena, dove a fare le nomine sarà il sindaco Maurizio Cenni, negli ultimi mesi sotto tiro dalla parte “margheritina” del Partito Democratico in consiglio comunale. Il Pd, finalmente, dopo mesi di stallo, ha deciso il gruppo unico che farà il suo esordio il 10 luglio, grazie anche al fatto che Franco Ceccuzzi è stato eletto segretario comunale del Pd. Una soluzione derivata da un accordo di ferro del deputato con il gruppo Monaci.

Cenni, al suo secondo mandato, se ne andrà nel 2011, ma già si fanno ipotesi su chi potrebbe sostituirlo alla guida del Comune. Tra l’altro il sindaco ha subìto dure critiche nel corso della recente assemblea comunale del Pd proprio da parte di Ceccuzzi, alle quali ha riposto con altrettanta e sorprendente durezza. I “boatos” parlano di un interesse forte di Ceccuzzi per la poltrona di sindaco nel 2011. Ma sembra che anche Alessandro Starnini, (suo vice al Pd a Siena assieme all’ex margheritino Germano Trapassi), abbia qualche ambizione in merito. Per una decisione definitiva occorrerà anche vedere gli umori, emergenti dai vari settori del Pd e che hanno dato vita a varie associazioni e circoli: il primo passo per arrivare a vere e proprie correnti.
Il quadro politico- bancario è dunque in movimento.

In previsione delle elezioni alla Provincia il prossimo anno, come possibile candidato per la sostituzione di Fabio Ceccherini, si parla di Simone Bezzini, attuale segretario provinciale del Pd, (molto legato a Ceccuzzi), che – se eletto – dovrebbe lasciare libera la sua carica politica. Ma alla presidenza della Provincia potrebbe essere destinato Gabriello Mancini, attuale presidente della Fondazione Mps, che ha escluso del tutto questa ipotesi. Per la presidenza della Fondazione Mps uno dei nomi gettonati con maggiore frequenza è quello di Alberto Monaci, attuale capogruppo del Pd alla Regione Toscana. Verso la quale potrebbe approdare, addirittura, così si dice, Fabio Ceccherini. Come presidente.

Ecco tracciato, in un solo articolo, tutta la complessa ragnatela della potente casta locale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: